La nostra storia

L’associazione Bimbo Tu, oggi Aps (Associazione di promozione sociale) è nata nel 2007 per volontà dei coniugi Alessandro e Federica Arcidiacono, in stretta collaborazione con il neurochirurgo Ercole Galassi, allora responsabile della Neurochirurgia Pediatrica della divisione di Neurochirurgia dell’ospedale Bellaria di Bologna.

Dalla difficile, ma a lieto fine, esperienza dei coniugi Arcidiacono durante il ricovero del proprio figlio è nata la volontà e la determinazione di supportare genitori, bambini e adolescenti che si trovano a vivere, impotenti e disorientati, la difficile esperienza della malattia.

Nel 2009 Bimbo Tu ottenne la certificazione di onlus e nel 2013 le è stata conferita la Medaglia d’Argento al Merito della Sanità Pubblica con decreto dell’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

  • Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico

    Laser

    Quando si opera nel cervello sia ha a che fare con strutture di dimensioni piccolissime e di estrema importanza. Quando si operano i bambini affetti da idrocefalo o da tumore cerebrale, occorre lavorare su queste strutture coagulandole, tagliandole o asportandole. La luce che viene prodotta dal laser, che non esiste in natura, viene portata (anche attraverso uno strumento che si chiama endoscopio) all’interno del cervello, permettendo di eseguire tagli, coagulazioni e asportazioni di tessuto con una precisione e una efficacia impossibile con i mezzi tradizionali. Tantissimi bambini sono già stati operati con l’ausilio di usata tecnologia, aumentando l’efficacia degli interventi e diminuendone i rischi.
    Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico
  • Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico

    Neuronavigatore

    Quando si opera nel cervello occorre avere una mappa affidabile che possa condurre la mano del chirurgo con precisione verso la meta dell’operazione: questa è data dal neuronavigatore. Gli strumenti compaiono negli schermi dove si comprende la loro posizione all’interno del cervello, il tutto in tempo reale, durante l’intervento. Oramai non vi è intervento chirurgico che non sfrutti le potenzialità di questa apparecchiatura: tumori, idrocefalo, malformazioni, chirurgia dell’epilessia…innumerevoli sono i bambini che hanno già avuto una operazione più sicura, più precisa e meno rischiosa grazie al neuronavigatore.
    Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico
  • Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico

    Apparecchio per la misurazione della pressione intracranica

    Esistono delle situazioni in cui è indispensabile conoscere i livelli della pressione all’interno del cranio. Raggiungere questo obiettivo non è facile perché il cranio è una scatola molto ben costruita. Introducendo un piccolo sensore attraverso un piccolissimo foro, è possibile misurare i valori registrandone l’andamento anche per molti giorni. Sono già moltissimi i bambini affetti da idrocefalo o da malformazioni del cranio che si sono giovato di questa tecnica: per molti di loro ha significato non dovere essere sottoposti a un intervento, per altri ha permesso di pianificare il giusto intervento che ha scongiurato la comparsa a distanza di effetti dannosi sul cervello.
    Mino Zucchelli - Neurochirurgo Pediatrico

Dona ora