Istruzioni 5×1000

Cos’è il 5×1000?

Il 5×1000 è un particolare tipo di donazione che proviene dall’imposta sul reddito delle persone fisiche – IRPEF – come stabilito dalla Legge Finanziaria del 2006. Chiunque presenti la dichiarazione dei redditi può scegliere di destinare la propria quota, pari al 5×1000, a finalità di sostegno di particolari enti no profit, o di finanziamento della ricerca scientifica, o universitaria e sanitaria, compilando, con firma e codice fiscale dell’associazione, l’apposita sezione sulla dichiarazione dei redditi.

Il 5×1000 ha un costo?

No. È la destinazione di una parte dell’imposta sul reddito (IRPEF) e pertanto non comporta nessun costo aggiuntivo per il contribuente.

Chi può donarlo?

Ha la possibilità di destinare il 5×1000 delle proprie tasse ad una specifica associazione chiunque fa la dichiarazione dei redditi, presentando i modelli: REDDITI (Ex UNICO), CERTIFICAZIONE UNICA, MODELLO 730.

Se non ho l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi posso donare il mio 5×1000?

Si: basta consegnare ad una banca o a un ufficio postale la scheda integrativa per il 5×1000 contenuta nel CU in busta chiusa, su cui apporre la scritta “scelta per la destinazione del 5×1000 dell’IRPEF”, con indicazione di nome, cognome e codice fiscale del contribuente.

Se dono il 5×1000 posso donare anche l’8×1000?

Si: il 5×1000 non sostituisce l’8×1000. Entrambi permettono al contribuente di scegliere a chi devolvere una parte delle proprie imposte sul reddito, ma non vanno confusi: Lo scopo dell’8 x1000 è di offrire sostegno alla Chiesa di culto (confessioni e credo religiosi).

Cosa succede se non si firma lo spazio relativo al 5×1000 o se non voglio donare il 5×1000?

Il contributo andrà direttamente allo stato.

Quali sono le scadenze per fare la dichiarazione dei redditi?

REDDITI (EX UNICO) Persone Fisiche deve essere presentato entro i termini seguenti:

  • entro il 01 luglio 2019 se la presentazione viene effettuata in forma cartacea per il tramite di un ufficio postale; entro il 30 settembre 2019 se la presentazione viene effettuata per via telematica, direttamente dal contribuente ovvero se viene trasmessa da un intermediario abilitato alla trasmissione dei dati.

MODELLO 730 precompilato e/o ordinario deve essere presentato entro:

  • l’8 luglio 2019 nel caso di presentazioneal sostituto d’imposta; il 23 luglio 2019 nel caso di presentazione ad un intermediario (al Caf o al professionista).
  • I termini che scadono di sabato o in un giorno festivo sono prorogati al primo giorno feriale successivo.

L’invio telematico della CERTIFICAZIONE UNICA (sia per redditi di lavoro dipendente che di lavoro autonomo) all’Agenzia delle Entrate deve essere effettuato entro il 7 marzo 2019; mentre il datore di lavoro invierà la CU al dipendente e/o lavoratore autonomo entro il 1 aprile 2019 (in quanto il 31 marzo cade di domenica). Tutte le scadenze fiscali possono essere prorogate. Per tale motivo, in casi sia necessario, è buona prassi informarsi presso l’Agenzia delle Entrate sugli eventuali ulteriori termini per presentare o rettificare la dichiarazione dei redditi.

PRECOMPILATA 2019 SU AGENZIA DELLE ENTRATE ONLINE

Dal15 aprile 2019 è on line la dichiarazione dei redditi precompilata 2019. Il 730 potrà essere accettato o integrato e inviato direttamente via web a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio.

Per visualizzare la propria dichiarazione precompilata occorre essere in possesso delle credenziali di accesso, come Spid, il sistema unico di accesso ai servizi on line della pubblica amministrazione, le credenziali fornite dall’Agenzia delle Entrate (Fisconline), quelle rilasciate dall’Inps o la Carta nazionale dei servizi. Una volta entrati nella propria area riservata sarà possibile controllare nel dettaglio tutti i dati e, dal 2 maggio, accettare la dichiarazione così com’è o integrarla e modificarla prima dell’invio. Per queste operazioni resta la possibilità di rivolgersi a un Caf o delegare un professionista.

 

Donate Now
webdesign dsign.it