Esperienza di una mamma - Daniela
E-mail
da: LE VOSTRE STORIE

Riceviamo da Daniela questa lettera. Lei  dice grazie a Bimbo Tu  , ma siamo noi a  ringraziare lei , perché queste parole  hanno fatto del bene a tutti noi.

Ciao a tutti, mi chiamo Daniela ,vi scrivo dalla Sicilia e sono la mamma di Maria Carmela, una ragazza di 16 anni .

 

La nostra storia è cominciata il sette Maggio del 2012, quando in seguito ad una risonanza  prescritta per pura precauzione dal nostro oculista, si scopre che nel cervello di mia figlia (che non accusava nessun sintomo se non a volte un lieve mal di testa) si era annidato e cresceva indisturbato un nemico orribile.Non mi dilungo sulle sensazioni di quel momento, era come se  una bomba fosse esplosa nei nostri cuori .Al dolore si aggiungeva la convinzione di aver fallito nel compito principale di noi genitori e cioè proteggere i nostri figli. Dopo il primo momento di dolore viene il momento della reazione, della battaglia personale che si ingaggia contro il nemico e ricordo ancora le parole che dissi a mio marito : LUI(il tumore) non vincerà, la porteremo ovunque ma la salveremo  .E gli angeli ci hanno guidato a Bologna.

Parlo di angeli perchè nella nostra storia li abbiamo sempre avuti vicini e non intendo gli angeli con le ali ma gli angeli ,come li chiamo io, in borghese  che ho incontrato all'ospedale Bellaria di Bologna.

Dal momento in cui siamo arrivati i volontari dell'associazione Bimbo Tu ci hanno accolto,sempre disponibili e sempre pronti ad un sorriso e dirti quelle parole di cui in quel momento il tuo animo ha sete CORAGGIO SI SALVERA'. A questo punto nella nostra storia prevale una parola,  GRAZIE, a tutti voi che ci state vicino in questo momento così difficile, grazie perchè a tutti noi che veniamo da così lontano ci fate sentire come se fossimo in famiglia, grazie per il sorriso che regalate ogni giorno ai nostri figli, grazie da parte di tutti noi perchè ci regalate il vostro tempo e non importa se è sabato o domenica , voi siete sempre lì a parlare,incoraggiare e pregare con noi .Voglio ringraziare anche in maniera particolare tutta l'equipe del reparto di Neuro Chirurgia Pedriatica  dell'Ospedale Bellaria di Bologna e in particolare il Dott. Galassi con il suo staff per la loro bravura e la loro umanità .Infine ma non per ultimo mi rivolgo a te  Alessandro, presidente  di questa magnifica realtà che è l'associazione BIMBO TU, grazie per tutte le volte che al telefono mi hai sostenuto e incoraggiato, per tutte le volte che ti sei messo a disposizione guidandoci con la tua esperienza di padre, noi non ci conosciamo personalmente  ma per me sei come un fratello.

Ora che finalmente siamo a casa e che la prima grande battaglia è stata vinta voglio dare una speranza a tutti i genitori che in questo momento vivono lo stesso dramma  SI PUO' VINCERE ,ce la possiamo fare e voglio concludere con le parole che Alessandro usava per chiudere le nostre conversazioni al telefono

"Il tumore è venuto per rompere le s...... a noi ma noi le romperemo a lui".  Daniela

 

Questo sito usa i cookies per migliorare i nostri contenuti e la tua navigazione per maggiori informazioni sui cookies e sapere come eliminarli guarda la nostra privacy policy.